Opportunità di lavoro in Irlanda per 50 infermieri

lavoro infermieri

Lavoro infermieriLa ricerca promossa da Bpl, agenzia di recruitment specializzata in area sanitaria, ed Eures. Contratti a tempo indeterminato a 40 mila euro annui. Richiesta l’iscrizione all’albo

 

Opportunità di lavoro in Irlanda per cinquanta infermieri grazie a Bpl, l’agenzia di recruitment specializzata in ricerca di profili professionali nell’area sanitaria, e a Eures, il servizio di placamento dell’Unione Europea.

I contratti di lavoro possono essere a tempo determinato o indeterminato, a seconda della proposta dei singoli enti; la retribuzione può variare dai 32 mila euro lordi annui ai 40 mila per coloro che si candidano a posizioni di lavoro apicali.

Non è richiesta esperienza pregressa nel ruolo, se non per le figure di vertice, ma solo la cittadinanza comunitaria, la conoscenza della lingua inglese (almeno livello B2), aver ottenuto  un titolo abilitante alla professione infermieristica ed essere iscritti all’apposito albo professionale.

Attraverso Bpl, inoltre, i vincitori della selezione riceveranno aiuto nella ricerca dell’alloggio in Irlanda e potranno usufruire di servizi e corsi per progredire nella propria carriera professionale.

Per candidarsi bisogna inviare il proprio curriculum, modello europass, in inglese e in italiano, al servizio Eures della propria regione entro il 6 ottobre.

Maggiori informazioni sul sito di Bpl e su quello di Eures.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test d’ingresso, si comincia oggi: la sfida dei 115 mila tra sogni e realtà

Next Article

Gli utenti di twitter sono più felici di un anno fa. Lo dice uno studio

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.