Nuovo regolamento per i concorsi ordinari: aspiranti docenti infanzia, primaria e secondaria

Il Ministero ha pubblicato il decreto contenente il nuovo regolamento relativo ai concorsi ordinari per docenti banditi la scorsa primavera, introdotti dal decreto sostegni bis. 

Ecco le nuove regole per i concorsi ordinari docenti infanzia, primaria e secondaria:

  1. i requisiti di ammissione per partecipare al concorso sono
    – abilitazione conseguita presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia oppure

    – diploma magistrale con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia, in particolare:

    a. per la primaria, titolo conseguito entro l’a.s. 2001-2002 al termine dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997-1998, incluso il titolo di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla CM 11 febbraio 1991, n. 27;

    b. per l’infanzia, titolo conseguito entro l’a.s. 2001-2002, al termine dei corsi triennali e quinquennali sperimentali della scuola magistrale, ovvero dei corsi quadriennali o quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997-1998, incluso il titolo di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla CM 11 febbraio 1991, n. 27;

    – per i posti di sostegno su infanzia e primaria, possesso dello specifico titolo di specializzazione sul sostegno;
  2. la prova scritta, da completare in 100 minuti, è costituita da 50 domande a risposta multipla (4 risposte per ciascuna domanda), di cui

    – 40 quesiti relativi a conoscenze disciplinari e ai contenuti dell’insegnamento in base al grado di istruzione o alla tipologia di posto (comune o sostegno);

    – 5 questi per l’accertamento della conoscenza della lingua inglese al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento;

    – 5 quesiti sulle competenze digitali relative all’utilizzo di tecnologie e dispositivi multimediali per migliorare l’apprendimento. Le domande sono somministrate in ordine casuale per ciascun candidato e non sono pubblicati prima della prova. La prova è superata con punteggio minimo di 70/100;
  3. la prova orale, che ha una durata massima di 30 minuti, consiste nella progettazione di una attività didattica (lezione simulata), comprensiva dell’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche, metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle tecnologie digitali. Comprende anche la verifica della capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese almeno al livello B2 del QCER. Per superare l’orale occorre conseguire almeno un punteggio di 70/100;
  4. i punteggi assegnati alle prove e ai titoli sono rideterminati in massimo 100 punti per la prova scritta, 100 punti per la prova orale e 50 punti per la valutazione dei titoli, per un totale di 250 punti;
  5. la valutazione dei titoli è riproporzionata alla luce del limite di 50 punti totali previsto dal nuovo regolamento;
  6. la graduatoria è formulata con un numero di vincitori pari a quello dei posti a concorso.
Total
21
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Olimpiadi di Filosofia, al via la competizione

Next Article

Sapienza, Mattarella rassicura Parisi: "Tra legge di Bilancio e Pnrr sono 10 miliardi per la cultura"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident