Nuovi campus, Torino sempre più città universitaria

Schermata 2013-03-07 a 16.08.15

Con i suoi 100.000 studenti universitari (su 900.000 abitanti) di cui 35% provenienti da fuori citta’ e 10% stranieri e un continuo aumento di richieste e di contatti, Torino mette in campo le sue nuove strategie per diventare sempre di piu’ una Citta’ Universitaria.

Lo ha annunciato lo stesso sindaco Piero Fassino che oggi ha firmato uno piano di sviluppo insieme ai rettori di Politecnico e Universita’, Marco Gilli ed Ezio Pelizzetti. Un piano step by step compreso un master plan per le residenze universitarie che prevede che nell’anno 2015-2016 venga aperta in via Caraglio, una nuova residenza con 600 posti letto. Che si andranno a sommare ai 4.000 gia’ esistenti tra Edisu e Centro Einaudi a fronte di una necessita’ di 15.000 posti alla quale si cerchera’ di far fronte con una nuova incentivazione dell’offerta di case in affitto da parte di privati ai quali verranno date garanzie.

Tra gli altri progetti nodali dell’accordo vi sono la creazione di una Summer School per stranieri, soprattutto anglosassoni, tradizionalmente assenti a Torino; una Scuola dei compiti per avvicinare gli studenti di terza media e prima superiore con l’ausilio degli studenti universitari che verranno supportati in questo economicamente per contrastare il taglio alle borse di studio; un nuovo Sito Studyintorino; il progetto ‘Bambine e bambini, un giorno all’Universita” per portare i bambini delle elementari a conoscere l’Universita’

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

1 milione di followers, Jovanotti tiene un party su twitter. Corriereuniv IN DIRETTA

Next Article

Il tè verde aiuta a prevenire l'Alzheimer

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.