Numero chiuso, Profumo pensa ad una graduatoria unica

Per l’accesso alle facolta’ a numero chiuso, come medicina e chirurgia, il ministero dell’Istruzione, universita’ e ricerca sta pensando ad un ”ulteriore perfezionamento del sistema”, che, ha detto il ministro Francesco Profumo ”potrebbe avvenire con la formazione di una graduatoria unica nazionale”.

”Tale innovazione – ha detto Profumo al question time alla Camera – che il ministero ha intenzione di apportare, deve essere tuttavia introdotta gradualmente; lo svolgimento della procedura selettiva richiederebbe, infatti, tempi piu’ lunghi che devono essere resi compatibili con l’inizio delle lezioni”.

”Quanto alla garanzia della certezza e trasparenza delle modalita’ di svolgimento della prove di accesso, tali esigenze appaiono pienamente assicurate dalle dettagliate regole dettate dal decreto ministeriale n. 196 del 2012.

Giova infine ricordare che la determinazione del numero di posti disponibili per l’accesso ai corsi di laurea magistrale in medicina e chirurgia e’ effettuata seguendo una prassi rigorosa che coinvolge vari soggetti istituzionali deputati alla rilevazione e valutazione sia dell’offerta formativa degli Atenei sia del fabbisogno del servizio sanitario nazionale”, ha concluso Profumo.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Pingback: per le facoltà a numero chiuso – La Stampa | Sindacato UNSIAU
Lascia un commento
Previous Article

Expo 2015: al via la nona sessione per il Tavolo Giovani

Next Article

Forbes, Obama l'uomo più potente. In classifica anche Monti e papa Benedetto XVI

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.