No ai ricatti si al futuro

“28 gennaio: no ai ricatti si al futuro” è l’ultimo grido di battaglia degli studenti. Una grande manifestazione a Pomigliano che coinvolgerà studenti e lavoratori

28 gennaio: no ai ricatti si al futuro” è l’ultimo grido di battaglia degli studenti partenopei. Una grossa manifestazione a Pomigliano D’Arco che venerdì mattina coinvolgerà studenti e lavoratori della regione a protestare contro quella che, a parere degli organizzatori, è una “democrazia optional”.

Promotori dell’iniziativa sono i ragazzi di Link e dell’Unione degli Studenti che stanno cercando di convogliare quanti più studenti possibile. Francesco Giampietro dell’UDS ci ha spiegato: “Siamo ancora in fase organizzativa ma la cosa che ci riesce difficile è proprio cercare di attirare i ragazzi. Molti sono così disinformati che non percepiscono il violento attacco alla democrazia che il Ddl Gelmini ha fatto”.

Non si parlerà solo di Ddl, i ragazzi delle associazioni infatti si sentono molto vicino agli operai di Mirafiori “perché – ha dichiarato Francesco – noi giovani siamo proiettati al mondo del lavoro. Se attaccano l’istruzione, poi attaccano il lavoro come possiamo pensare di andare avanti?”. Nonostante le numerose assemblee svolte per sensibilizzare quelli “più a digiuno”, Francesco e gli altri di Link e UDS non hanno intenzione di fermarsi “anzi, scendiamo nelle piazze proprio perché vogliamo raccontare a tutti i cittadini quello che dall’alto stanno facendo alla democrazia, ai nostri diritti” ha affermato.

Gli studenti sono a un bivio. Francesco ci ha raccontato che i ragazzi si trovano davanti due strade: quella dell’indifferenza e quella dei perché. “Quelli che non ci ignorano ci chiedono perché dovrebbero partecipare, cosa hanno a che fare con i lavoratori, perché scendere in piazza tutti assieme se apparteniamo a categorie distinte. Anche se è banale, l’unione fa la forza ed è questo che cerchiamo di trasmettere a chi pone delle domande” ha spiegato.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Montezemolo: ridiamo fiducia ai giovani

Next Article

Formazione pubblica, i numeri la premiano

Related Posts
Leggi di più

Spari in classe, la prof adesso vuole querelare la Littizzetto

La docente colpita da alcuni pallini di plastica partiti da una pistola ad aria compressa ha intenzione di denunciare la comica torinese dopo le sue esternazioni in radio. "Se l'hanno colpita è anche colpa sua" aveva detto. Intanto per gli studenti protagonisti dell'episodio a scuola sono scattati i lavori socialmente utili.