"Nessuno studente perderà l'anno"

calendarioscolastico.jpgIl ministro Mariastella Gelmini lo ha detto chiaro e tondo, intervenendo ieri alla riunione tenutasi nel pomeriggio all’Aquila con tutte le autorità preposte alle attività scolastiche: «Senza voler nascondere le difficoltà, che pur ci sono, per far concludere l’anno scolastico – ha spiegato- concentreremo tutti i nostri sforzi dando la massima priorità per garantire che si possano sostenere regolarmente gli esami di Stato e di terza media, affinché nessuno studente si trovi a dover perdere l’anno».
Insomma, pur non avendo il requisito minimo di 200 giorni di frequenza alle lezioni, nessuno studente delle zone terremotate dell’Abruzzo si troverà ipso facto a dover ripetere l’anno scolastico.
Intanto i sindacati della scuola hanno chiesto al ministro di istituire un tavolo permanente a Roma e un altro sul territorio per gestire e seguire la ripresa delle attività scolastiche in Abruzzo dopo il violento sisma del 6 aprile. A tal proposito, proprio ieri hanno incontrato i dirigenti del ministero dell’Istruzione. Mentre un team operativo di viale Trastevere accompagnava il ministro Gelmini all’Aquila per fare il punto della situazione, dai sindacati è stato ribadito quanto già scritto al ministro in una lettera dell’8 aprile:
– la necessità di bloccare la riduzione degli organici in Abruzzo;
– un pacchetto di permessi per il personale che abita e insegna lì e per coloro che volessero fare volontariato finalizzato all’attività di docenza nelle località colpite dal sisma;
– la proroga del personale a tempo determinato per il prossimo anno;
– la proroga di almeno un mese di alcune scadenze come, ad esempio, quelle relative alle graduatorie.
I sindacati aspettano una nuova convocazione al ministero per domani o – fanno sapere – al massimo per lunedì 20 aprile. Per trovare soluzioni condivise e gestire al meglio l’emergenza.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Esperti di make up e profumeria alla Upim

Next Article

Infermieri a Londra a tempo indeterminato

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".