Nel mento l’incrocio tra Neanderthal e Sapiens

Schermata 2013-03-27 a 15.47.20

Un accenno di mento nel fossile di un Neanderthal scoperto in Italia e’ la prima caratteristica fisica che dimostra un incrocio tra le due specie. Il risultato, pubblicato sulla rivista Plos One, si deve a un gruppo internazionale che vede una grande partecipazione italiana. Coordinato dalla paleontologa Laura Longo, dei Musei Civici Fiorentini, vi partecipano l’archeologo Paolo Giunti, David Caramelli e Martina Lari, dell’universita’ di Firenze, e Silvana Condemi, del Consiglio Nazionale delle Ricerche francese (Cnrs).

Gli studi sono stati condotti sulla mandibola fossile dell’uomo di Neanderthal scoperto a Riparo Mezzena (Verona), risalente a un periodo compreso fra 40 e 30.000 anni fa. ”Analizzando la mandibola di questo Neanderthal e grazie a un modello al computer, abbiamo individuato delle convergenze fisiche con il Sapiens”, spiega Longo, coordinatrice del progetto di ricerca sui ‘Fossili umani veronesi’. Il carattere fisico in comune si trova nella zona del mento: non e’ piu’ sfuggente come nei Neandertaliani classici, ma comincia a manifestarsi nel Neanderthal come un accenno di mento. Combinando i dati sulle analisi del Dna che si eredita per via materna, chiamato Dna mitocondriale, con quelli delle caratteristiche fisiche dei resti, risulta che gli incroci sono sempre nati da coppie formate da femmine Neanderthal e maschi Sapiens

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Milano, premi di laurea di 5mila euro per le tesi sull'etica nell'economia

Next Article

"Berlusconi? Gli darei l'estrema unzione fino ad annegarlo"

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.