Nel 2050 saremo tutti vegetariani

Dite addio a braciate, salsicce arrosto e cenette a base di hamburger con gli amici. Nel 2050 staremo tutti a sgranocchiare pannocchie e mangiare lattuga. Tutti vegetariani insomma ma senza poter scegliere! E’ questo le scenario ipotizzato da un rapporto dello Stockholm international water institute pubblicato in occasione della Settimana mondiale dell’acqua.

Dite addio a braciate, salsicce arrosto e cenette a base di hamburger con gli amici. Nel 2050 staremo tutti a sgranocchiare pannocchie e mangiare lattuga. Tutti vegetariani insomma ma senza poter scegliere! E’ questo le scenario ipotizzato da un rapporto dello Stockholm international water institute pubblicato in occasione della Settimana mondiale dell’acqua.

A causare il fenomeno l’aumento demografico e la scarsità di acqua. Sono stati elaborati diversi scenari di consumi di cibo, confrontandoli con le stime sulla disponibilità d’acqua e sull’incremento demografico previsto, ricordando che per produrre un chilo di carne servono migliaia di litri d’acqua.

“Non ci sarà abbastanza acqua per produrre il cibo necessario ai due miliardi di persone in più che ci saranno nel 2050 soprattutto se si manterranno i trend attuali, che vedono il mondo avvicinarsi a una dieta di tipo occidentale con il 20 per cento delle proteine assunte derivanti dagli animali” sono le parole di Malik Falkenmark, autrice del capitolo del rapporto sul tema.

Pare proprio che per continuare a fare barbecue sia necessaria una forte inversione di tendenza.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Test d'ingresso, parte il countdown

Next Article

Cannabis: Q.I. a -8 punti per gli adolescenti

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.