Napoli verde

Rilancio del verde urbano come elemento portante della riqualificazione ambientale della città. Concorso “Napoli, nuovi spazi verdi per la città”.

Presso la facoltà di architettura federiciana nella Sala Conferenze della Biblioteca di Palazzo Gravina, questa mattina si terrà il convegno e la cerimonia di presentazione del concorso “Napoli, nuovi spazi verdi per la città”.

La Manifestazione ha come obiettivo il rilancio del verde urbano come elemento portante della riqualificazione ambientale della città oltre che come strumento migliorativo della vita e della salute dei cittadini partenopei. Interverranno Vincenzo Bonavita e Vincenzo Zappia, rispettivamente Presidente e Direttore Scientifico dell’Arfacid, Claudio Claudi de Saint Mihiel Preside della Facoltà di Architettura e di Paolo Masi Preside della Facoltà di Agraria della Federico II. L’introduzione dei lavori spetterà all’Assessore all’Ambiente del Comune di Napoli Gennaro Nasti e al prof. Luigi Fusco Girard.

“Napoli, nuovi spazi verdi per la città” è il concorso bandito dall’Arfacid e dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Napoli rivolto agli studenti delle facoltà di architettura, di ingegneria e agraria delle università presenti sul territorio campano. Lo scopo è quello di ottenere proposte integrate relative a nuovi spazi verdi per la città di Napoli, non soltanto sotto l’aspetto progettuale, ma anche sotto quello urbanistico, storico e vegetazionale.

Scarica il programma completo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'economia con Gennaro Ferrara

Next Article

Suor Orsola, lavoro e turismo

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.