Napoli, studenti si sfidano ad EBEC a colpi di idee

Torna EBEC (European BEST Engineering Competition), una delle competizione tecnologiche studentesche più importante d’Europa. Una tre giorni, dal 2 al 5 maggio, in cui studenti dai maggiori atenei italiani si sfideranno mettendo in campo le proprie idee e le proprie team skills su progetti specifici. L’evento, di portata nazionale, organizzato dall’associazione studentesca europea BEST (Board of European Student of Technology) si terrà presso la Scuola Politecnica e delle Scienze di Base “Federico II di Napoli” a piazzale Tecchio e consisterà nello svolgimento di due prove: Case Study e Team Design. 
BEST è un’associazione studentesca nata nel 1989 con lo scopo di promuovere la comunicazione, la cooperazione e lo scambio tra studenti europei. Oggi, con più di 95 università di ingegneria in 33 Paesi diversi, è uno dei network universitari più importanti d’ Europa con oltre oltre 2.600 membri e 95 università partner in 33 paesi. Quest’anno sarà BEST Napoli ad organizzare la fase nazionale della competizione, in collaborazione con aziende e docenti dell’Università “Federico II”, allo scopo di offrire ai suoi studenti la possibilità di mettere in campo le proprie attitudini e le conoscenze acquisite durante il loro percorso di studi.
Un appuntamento ad ampio respiro che non parla solo italiano. Infatti durante la tre giorni sono in programma conferenze tematiche interamente in lingua inglese. “Un evento gratuito in cui gli studenti potranno confrontarsi con il mondo imprenditoriale italiano – afferma Tonia Stiuso, project manager dell’evento – saranno le aziende, infatti, a dare le linee guida delle prove. Un confronto che metta in risalto le sfoft skills e tutte quelle competenze parallele che il mondo del lavoro si aspetta dagli studeti”. Non solo ingegneri ed architetti. “EBEC è aperto a tutti gli studenti, anche quelli provenienti dalle facoltà umanistiche – sottolinea Stiuso – che vogliono mettersi alla prova in un mondo lavorativo che cambia continuamente”. Le tracce delle sfide saranno fornite dalle aziende, mentre i partecipanti passeranno sotto l’attento occhio di una giuria di professionisti e docenti universitari. 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bullo pesta il compagno e il Miur paga i danni

Next Article

Slitta il concorso per dirigenti scolastici. A settembre sarà emergenza

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".