MUR, PUBBLICATO IL DECRETO SU TIROCINI POST LAUREAM PER ABILITAZIONE PROFESSIONE MEDICO-CHIRURGO

E’ stato pubblicato il Decreto Ministeriale 8 giugno 2020, n. 207, che  integra il D.M. 9 aprile 2020 n. 12 al fine di consentire il rapido svolgimento dei tirocini post-lauream necessari per il conseguimento dell’abilitazione all’esercizio della professione di medico-chirurgo da parte dei laureati (non abilitati) in Medicina e Chirurgia. 

Il Decreto è online nella sezione  Atti e Normativa https://www.miur.gov.it/web/guest/-/decreto-ministeriale-n-207-dell-8-giugno-2020-per-lo-svolgimento-dei-tirocini-post-lauream-ai-fini-dell-abilitazione-all-esercizio-della-professione-d e nella sezione Università -> Professioni al link https://www.miur.gov.it/web/guest/professioni“.

Lo comunica in una nota il Ministero dell’Università e della Ricerca. 

I tirocini pratico-valutativi post-lauream di cui al d.m. n. 445/2001, finalizzati all’acquisizione dell’abilitazione professionale di medico chirurgo, sono attivati dalle università su istanza degli interessati laureati in medicina e chirurgia delle Classi LM/41 non abilitante, LS/46 e degli ordinamenti ulteriormente previgenti, e sulla base dei tempi tecnici occorrenti all’ateneo per la corretta attivazione e il proficuo inserimento dell’istante nell’ambito del percorso formativo richiesto.

Le modalità operative di presentazione delle istanze di cui al precedente comma 1 sono definite dai singoli atenei nell’ambito della propria autonomia organizzativa e regolamentare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stati Generali, Conte ai sindacati: "Presto decreto per altre quattro settimane di Cig"

Next Article

Emicrania: la scoperta dei neurologi italiani riceve il premio più prestigioso al mondo nell’ambito delle cefalee

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.