Miur, varati i criteri minimi per gli alloggi studenteschi

Potete dire addio a stanze anguste, senza finestra e non sempre a norma di legge. Il Miur ha varato recentemente un decreto (è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il 28 aprile) sui criteri minimi per gli alloggi studenteschi: almeno 11 metri quadrati per una camera singola, 16 per una doppia e bagno condivisibile fino a un massimo di tre posti alloggi. Requisiti che devono essere rispettati per i nuovi edifici o per la manutenzione straordinaria, il recupero o la ristrutturazione di edifici esistenti.

Il provvedimento, che dispone pure le tipologie di cucine, mense, sale studio, spazi internet e lavanderie-stirerie, indica poi quali criteri devono essere rispettati negli interventi di edilizia residenziale. I nuovi edifici devono tener conto dei principi di salvaguardia ambientale «anche in assenza di indicazioni negli strumenti urbanistici e nei regolamenti edilizi».

Devono essere adottate quindi soluzioni per limitare i consumi di energia, ricorrendo quando possibile a fonti energetiche rinnovabili, e nelle nuove costruzioni vanno utilizzati materiali a basso impatto ambientale, «orientati possibilmente nell’ottica del riciclo e del riutilizzo». La dislocazione delle residenze per studenti, inoltre – stabilisce il decreto – deve tener conto della facile raggiungibilità delle sedi universitarie e dei servizi che possono maggiormente interessare gli studenti. A questo fine devono essere considerate le distanze percorribili a piedi o in bicicletta e la vicinanza alle fermate dei mezzi di trasporto pubblico cittadino.

Fonte: Ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fico: più ricerca e borse di studio

Next Article

Verso lo sciopero generale

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.