MIUR concorso per Dirigenti scolastici per l’estero: Bando

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e dellaRicerca, successivamente alla comunicazione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha indetto un concorso pubblico per la selezione di dirigenti scolastici da destinare all’estero. Uno dei requisiti essenziali per la partecipazione al bando è la conoscenza certificata della lingua straniera del Paese per cui si intende partecipare. È possibile partecipare per una o più lingue. Il bando di concorso scade in data 28 gennaio 2019.
Ai candidati per il concorso del MIUR per dirigenti scolastici di scuole estere si richiede il possesso dei seguenti requisiti professionali:
– essere dirigenti scolastici di istituzioni scolastiche ed educative statali, assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato, con servizio effettivo di almeno 3 anni in territorio metropolitano;
– non aver svolto periodi all’estero, ciascuno dei quali di 6 anni scolastici consecutivi, inclusi gli anni in cui ha luogo l’effettiva assunzione in servizio e i due periodi non siano separati da almeno sei anni scolastici di effettivo servizio nel territorio nazionale;
– non essere nella posizione di accettare la permanenza in servizio all’estero di 6 anni scolastici a decorrere dal 2019/2020.
Inoltre, i partecipanti dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti culturali:
– avere una certificazione della conoscenza della lingua straniera, di livello non inferiore a B2 del QCER, rilasciata da un ente certificatore o essere in possesso della laurea magistrale nella relativa lingua straniera (livello C1);
– aver partecipato ad almeno un’attività formativa della durata non inferiore a 25 ore, organizzate da soggetti accreditati dal MIUR.
Per partecipare al concorso di dirigente scolastico per l’estero, è necessario produrre la domanda di ammissione esclusivamente per via telematica, a partire dalle ore 9:00 del 12 gennaio 2019 e fino alle ore 23:59 del 28 gennaio 2019, utilizzando il sistema POLIS istanze online.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorso personale ATA e Docenti per l’estero: Bando

Next Article

Baby calciatori intossicati da monossido

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.