Ministero dell’Istruzione e Dipartimento per le Politiche Europee lanciano il concorso “L’Europa è nelle tue mani!”

Il Ministero dell’Istruzione – Direzione Generale per lo Studente, l’Inclusione e l’Orientamento Scolastico – e il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri indicono il Concorso Nazionale “L’Europa è nelle tue mani!”, rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado del territorio nazionale.

Il concorso è promosso nel quadro delle iniziative della Conferenza sul futuro per l’Europa che ha aperto un nuovo spazio di discussione con i cittadini per affrontare le sfide e le priorità dell’UE, e i giovani europei hanno un ruolo centrale nel plasmare il futuro del progetto dell’Unione.

Gli studenti dovranno realizzare un elaborato per rappresentare la loro visione dell’UE nell’ottica di chi è ‘nato europeo’ e desidera illustrare ai suoi coetanei le proprie idee in modo creativo.

L’elaborato dovrà ispirarsi a uno dei nove temi della Conferenza e potrà essere presentato in power point, video o contenuto per i social media.

  • Cambiamento climatico e ambiente
  • Salute
  • Un’economia più forte, giustizia sociale e occupazione
  • L’UE nel mondo
  • Valori e diritti, Stato di diritto, sicurezza
  • Trasformazione digitale
  • Democrazia europea
  • Migrazione
  • Istruzione, cultura, gioventù e sport

Gli elaborati dovranno essere inviati entro il 15 febbraio 2022 secondo le modalità indicate nel bando del concorso, dove sono anche segnalati i materiali di approfondimento da consultare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article
I titoli dei nuovi corsi ruotano attorno ai concetti di green e digitale con le parole chiave "competenze digitali” e “ambiente, sostenibilità, eco”

Settimana nazionale della RiGenerazione: nelle scuole attività e laboratori su sostenibilità, riciclo, riduzione degli sprechi

Next Article

Samsung annuncia la nuova edizione di Innovation Campus

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".