Milano più verde con il "Campus Bocconi"

bocconi.jpegL’area intorno all’Università Bocconi cambierà look: via le auto, nuova pavimentazione e più spazio verde grazie alla messa a dimora di alberi. Lo ha deciso venerdì scorso la Giunta di Letizia Moratti, approvando la delibera di riqualificazione e pedonalizzazione delle vie che circondano il polo universitario.
L’intervento – che costerà 2,5 milioni di euro – sarà tutto a carico della Bocconi, ma vedrà il Comune di Milano investire sulla sicurezza grazie all’installazione di un sistema di videosorveglianza.
«Con questa operazione – spiega l’assessore milanese a Mobilità, Trasporti e Ambiente Edoardo Croci – nasce a tutti gli effetti il “Campus Bocconi”. Si tratta di un’area importante di oltre 14 mila metri quadri che sarà dedicata a verde, luoghi di sosta e di passeggio, riqualificando l’area esistente e aprendola alla città».
Sui tempi di realizzazione delle opere l’assessore non si sbilancia: «Cercheremo di fare il prima possibile accelerando il lavoro tecnico e poi quello attuativo». Il progetto prevede, in particolare, il rifacimento della pavimentazione di via Gobbi e via Toniolo, la sistemazione con alberi della parte terminale di piazza Saffra e la pavimentazione di via Sarfatti su cui si affacciano gli edifici universitari con un nuovo impianto di illuminazione.
Con la Bocconi e sei altri atenei milanesi, il Comune di Milano ha anche firmato un accordo per favorire la mobilità sostenibile tra studenti e docenti: l’intesa prevede l’introduzione di biglietti e abbonamenti ridotti e integrati da utilizzare sulla rete pubblica, la promozione dei servizi di bike e car sharing, nonché l’inserimento del nome delle università nella denominazione delle stazioni della metropolitana.

Anna Di Russo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

650 animatori in Spagna

Next Article

Nativi digitali 2.0, la scuola li annoia

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.