Michael J. Fox finanzia la ricerca sul Parkinson all'Università di Cagliari

michael-j-fox-foundation
Un team di ricercatori del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Cagliari guidato da Manolo Carta e Paola Devoto ha ottenuto un finanziamento di 121.000 dollari dalla Michael J. Fox Foundation, la fondazione costituita dal popolare attore americano, malato di Parkinson, per accelerare la ricerca d’eccellenza e trovare presto una cura.

I ricercatori italiani indagheranno il ruolo dei neurosteroidi nell’insorgenza delle discinesie (movimenti involontari collaterali al trattamento in fase avanzata della malattia), cercando di comprendere come l’inibizione di un enzima chiave nella sintesi di questi composti possa attenuare le discinesie in modelli preclinici.
“La terapia farmacologica – spiegano i ricercatori – consiste nella somministrazione della levodopa, che è il precursore della dopamina (deficitaria nella malattia – NdR), e funziona molto bene durante i primi anni di malattia, consentendo ai pazienti di vivere una vita pressoché normale; nelle fasi più avanzate della malattia, però, la levodopa perde gran parte della sua efficacia a causa della comparsa di effetti collaterali tra cui le discinesie.”
Per Carta è il terzo riconoscimento da parte della fondazione americana, che già lo aveva finanziato nel 2012 e nel 2013 per i suoi studi sul ruolo del sistema serotoninergico nelle discinesie. I risultati della nuova ricerca serviranno da base per disegnare un successivo studio clinico.

Fonte Università di Cagliari
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cervelli in fuga, qualcosa si muove

Next Article

Charlie Hebdo, mercoledì lezioni sospese all'Università

Related Posts
Leggi di più

Occupazioni e cortei per ricordare Lorenzo: il 28 gennaio manifestazione a Roma contro l’alternanza scuola-lavoro

Studenti di nuovo in piazza per protestare contro i progetti PCTO che a Udine sono costati la vita a Lorenzo Parrelli, morto a 18 anni al suo ultimo giorno di stage in un'azienda di Udine. Venerdì prossimo ci sarà una manifestazione nazionale a Roma mentre a Bologna oggi è stato occupato un liceo scientifico: "Vendetta per Lorenzo".
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"