MiBACT, concorso straordinario per l'assunzione a tempo indeterminato di 500 laureati

RESTAURO IN CORSO ALLA CHIESA DI SAN MAURIZIO, RESTAURATORI

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo: in arrivo il concorso pubblico per l’assunzione di 500 figure a tempo indeterminato. A renderlo noto è Dario Franceschini, reggente del MiBACT, in una nota sul sito del Ministero.
I nuovi posti sono stati sbloccati dalla Legge di stabilità approvata lo scorso 15 ottobre: saranno 500, tutti a tempo indeterminato.
“Per assicurare la tutela e la valorizzazione del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione – si legge nella nota sul sito del MiBACT – e in deroga alle norme vigenti è stato autorizzato un concorso straordinario per l’assunzione a tempo indeterminato di 500 funzionari dei beni culturali selezionati tra antropologi, archeologi, architetti, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, esperti di promozione e comunicazione, restauratori e storici dell’arte. Una misura indispensabile per rafforzare la dotazione organica del MiBACT e introdurre professionalità fondamentali per garantire l’attuazione dell’articolo 9 della Costituzione”.
Per la pubblicazione del concorso straordinario occorrerà attende l’entrata in vigore della legge di stabilità. Da quel momento, il MiBACT potrà stilare il testo del concorso, specificando tempistiche e requisiti necessari per partecipare. Non appena disponibile, CorriereUniv pubblicherà il bando ufficiale del concorso straordinario MiBACT per il reclutamento di 500 profili a tempo indeterminato.
 

Total
0
Shares
9 comments
Lascia un commento
Previous Article

Tasse universitarie, Italia al terzo posto in Ue dopo Inghilterra e Paesi Bassi

Next Article

CRUI: "Legge di stabilità rilancia l'università solo per quest'anno. Occorre impegno prolungato"

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.