Meloni, sostenere la giovane impresa

Le congratuzioni del ministro a Valentina Sanfelice per la nomina di portavoce nazionale del Tavolo di Coordinamento dei Giovani Imprenditori.

Le congratuzioni del ministro a Valentina Sanfelice per la nomina di  portavoce nazionale del Tavolo di Coordinamento dei Giovani Imprenditori.

«Mi congratulo con Valentina Sanfelice di Bagnoli per la nomina ottenuta. Sono certa che saprà svolgere un ottimo lavoro, nell’interesse di tutti i giovani imprenditori italiani». Con queste parole il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, commenta la nomina del presidente Nazionale dei Giovani Imprenditori della Confapi a portavoce nazionale del Tavolo di Coordinamento dei Giovani Imprenditori.

«Con il presidente Sanfelice di Bagnoli, così come con i vertici delle altre associazioni datoriali di giovani, abbiamo instaurato un proficuo rapporto di collaborazione che ha già dato frutti importanti, come la creazione del primo Portale web dell’imprenditoria giovanile, www.giovaneimpresa.it» prosegue il ministro Meloni. «L’obiettivo comune – conclude – resta quello di promuovere e sostenere la giovane impresa italiana snellendo la burocrazia, sostenendo una politica fiscale di favore e abbattendo gli ostacoli che si frappongono tra un’idea di impresa e la sua realizzazione nel superamento della difficile fase di start-up».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tirocini aperti presso la Iveco

Next Article

Eurispes, italiani sempre più pessimisti

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36