Medi denuncia: aggredita coppia gay

Schermata 2013-04-05 a 16.37.43

Un parcheggio pubblico di San Dona’ di Piave in provincia di Venezia e’ stata lo scenario di un aggressione omofoba a discapito di una coppia che si stava scambiando dei baci. Lo rende noto la Rete degli Studenti Medi Venezia-Mestre e Unione degli Universitari Venezia. La coppia e’ stata prima colpita con dei sassi e poi a calci e pugni da due giovani con il viso semi coperto.

I due ragazzi aggrediti non hanno pero’ denunciato il fatto alle autorita’ ma dopo giorni hanno contattato lo sportello Lgbt del Veneto orientale per segnalare la vicenda. Le ferite fisiche riportate dai due non sono gravi, rilevano gli studenti, ma lo sono quelle psicologiche: hanno ormai il terrore di uscire di casa, vivono in un clima di discriminazione e indifferenza anche dentro le mura domestiche. La famiglia di uno dei ragazzi infatti ritiene il figlio malato e bisognoso di cure psicologiche.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Acat annunci: bandi per premi di laurea

Next Article

Marte, test di gravidanza per scoprire se c'è stata vita

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.