Mattia, studente erasmus in Olanda: "Mascherine non obbligatorie in tutti i luoghi chiusi. E borsa di studio in ritardo"

Una settimana è passata da quando lo scorso 13 ottobre il primo ministro olandese, Mark Rutte, ha annunciato un “lockdown parziale” su tutto il territorio nazionale. Pub e ristoranti chiusi almeno per quattro settimane, vietata la vendita di alcolici dopo le 20 e massimo tre persone da poter invitare in casa. Eppure, benché il paese dei tulipani abbia raggiunto quota 8.182 contagi nelle ultime 24h, non c’è l’obbligatorietà della mascherina. Mattia, studente erasmus dell’Università di Pavia ci spiega perché e qual è la stiuazione nella città universitaria di Groningen, al confine con la Germania.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università Sapienza, un albero per Stefano Cucchi

Next Article

Covid: Conte, possibili prime dosi del vaccino ad inizio dicembre

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"