Master: arriva il contributo fino a 4.000 euro per gli studenti

Un contributo fino a 4.000 euro per pagare un master universitario ai neolaureati e neodiplomati lombardi che desiderano migliorare la loro posizione. Ecco la principale novità della Dote Unica Lavoro, introdotta dalla Regione Lombardia. “Si tratta di una misura innovativa – spiega l’Assessore Regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro Valentina Aprea – che sperimentiamo per la prima volta con questa programmazione, ma che sono cerca ci restituirà risultati importanti”.
Lo stanziamento iniziale è di 2.5 milioni di euro, che permetterà di accontentare al massimo solo 625 persone. Il meccanismo è molto semplice: basterà essere residente in Lombardia, aver conseguito un diploma, avere un lavoro e iscriversi a un master in una delle tante università sparse su tutto il territorio regionale. Indipendentemente dall’età. Specificando solo la richiesta di rimborso, come previsto dalla delibera approvata dalla giunta regionale lo scorso 23 dicembre. Toccherà poi direttamente all’ateneo inoltrare la richiesta alla regione, che riconoscerà a questo punto il contributo di 2.000 euro per modulo, fino a un totale di 4.000 euro.
Lo scopo dichiarato dalla Regione è quello di rafforzare il sistema di politiche attive del lavoro su due versanti. Quello della fornitura dei servizi di assistenza intensiva per la ricollocazione dei disoccupati e quello della ricerca di una migliore occupazione dei giovani laureati.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Consiglio d'Europa assume a tempo indeterminato laureati con esperienza

Next Article

Università di Palermo: bando per l'assunzione di 16 ricercatori in diverse discipline

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.