Consiglio d'Europa assume a tempo indeterminato laureati con esperienza

Il Consiglio d’Europa ha aperto le selezioni per l’assunzione a tempo indeterminato di un collaboratore per la divisione di project management.
La selezione è rivolta a cittadini europei laureati in diverse discipline, con almeno due anni d’esperienza in un ruolo o all’interno di organizzazioni impegnati in settori simili a quelli pertinenti il Consiglio d’Europa, che abbia ottima padronanza sia della lingua inglese che di quella francese.
Il candidato prescelto avrà il compito di svolgere mansioni amministrative e di segretariato; redigere e tenere la corrispondenza, le memorie e presentazioni conformi alle istruzioni; revisionare testi e documenti per controllare la correttezza grammaticale e di traduzione.
Il Consiglio d’Europa, con sede a Strasburgo, in Francia, è un ente difensore della libertà di espressione e comunicazione, libertà di associazione e protezione delle minoranze. Il consiglio promuove inoltre la tutela dei diritti umani attraverso convenzioni internazionali.
La scadenza per partecipare alle selezioni del Consiglio d’Europa è fissata al 18 gennaio 2018. Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina dell’Ente comunitario dedicata all’offerta.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 05 gennaio

Next Article

Master: arriva il contributo fino a 4.000 euro per gli studenti

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.