Mae: borse di studio da 1.100 euro al mese per il Giappone destinate a laureandi, laureati e artisti

Borse di studio del valore di oltre 1.100 euro mensili per percorsi di ricerca, master e dottorati in Giappone messe a disposizione dal Ministero degli Affari Esteri. Il Mae, in convenzione con il Governo Giapponese, ha pubblicato due bandi per sovvenzionare studenti, laureandi, laureati ed artisti che vogliano trascorrere un periodo di formazione in terra nipponica.
Le borse di studio avranno una durata di un anno accademico, a decorrere da settembre – ottobre 2016, se annuali, o 24 o 18 mesi, a partile da aprile o ottobre 2016, se biennali.
Requisiti necessari per concorrere alle borse annuali sono: essere nati tra il 2 aprile 1986 e il 1° aprile 1998; essere regolarmente iscritti ad una Università non giapponese, ad un corso di laurea con lingua o cultura giapponese almeno triennale; non aver conseguito la laurea, nemmeno triennale; aver studiato lingua giapponese per almeno un anno; non aver già usufruito di questa tipologia di borsa di studio; non avere cittadinanza giapponese.
Per le borse biennali, invece, è necessario essere nati a partire non prima del 2 aprile 1981; essere laureati o artisti con titolo equipollente, con un corso di studi regolare, o laureandi, che conseguiranno il titolo di studio entro i mesi di marzo o settembre 2016; avere buona conoscenza della lingua giapponese o della lingua inglese. La conoscenza della lingua giapponese è indispensabile solo per coloro che intendono svolgere studi in campi per i quali è necessaria, come studi di linguistica, letteratura e legislazione giapponese, o storia del Giappone, ecc; per chi ha già beneficiato di una borsa di studio del governo, che siano trascorsi almeno 3 anni dal ritorno in Italia; non essere militari in servizio permanente e iscritti a una università giapponese; non essere cittadini giapponesi.
Le borse coprono le spese di viaggio andata e ritorno, le tasse universitarie e un contributo variabile tra gli 893 e i 1.107 euro al mese a seconda della borsa (nello specifico, le borse sono di 117.000, 143.000, 144.000 o 145.000 yen al mese).
Per i borsisti che usufruiscono dei contributi biennali e non possiedono un’adeguata conoscenza della lingua giapponese, la borsa comprende, inoltre, la frequenza di un corso di preparazione linguistica in Giappone, della durata di 6 mesi, compreso nel periodo di fruizione del finanziamento.
La scadenza per presentare domanda è fissata al 19 febbraio 2016 per le borse annuali; al 15 aprile per quelle biennali. Le candidature vanno inviate utilizzando l’apposito modulo telematico disponibile sul sito del Mae.
Per maggiori informazioni potete consultare la sezione del portale del Ministero degli Affari Esteri dedicata alle opportunità di studio all’estero. A questo link, trovate il bando per concorrere alla borse di studio annuali messe a disposizione da Mae e Governo Giapponese; qui, invece, trovate il bando per le borse di studio biennali.

Total
0
Shares
2 comments
Lascia un commento
Previous Article

Università, numero chiuso a rischio: il Tar ammette 9 mila studenti in più a Medicina

Next Article

Jacopo, aspirante medico, sui 9 mila riammessi a Medicina: "Manipolati da chi pensa solo al proprio riconoscimento"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.