Macerata, Luca Abete sale in cattedra

“Mi sorprende ogni volta scoprire che c’è qualcuno che, grazie alle mie parole ed esperienze giornaliere, riesce ad avere ancora voglia di sognare. Ecco, per guardare ad un futuro migliore bisogna ritornare a sognare, credere che le cose possano cambiare. Quando incontri studenti di scuole medie e superiori o universitari, nei loro occhi riesco a vedere quella luce necessaria ad illuminare i percorsi giusti per un futuro migliore”, ha detto Luca Abete, inviato di Striscia la Notizia per la Campania durante una lezione all’Università di Macerata.

All’incontro erano presenti anche il vicedirettore del Dipartimento di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali, Barbara Pojaghi, la professoressa di semiotica Gianna Angelini e il professor Antonio D’Amore, dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Luca Abete ha raccontato ai giovani il suo progetto fotografico, OnePhotoOneDay, grazie al quale l’inviato di Striscia ha potuto creare un percorso narrativo originale, raccontando al pubblico il suo mestiere.
“Tutto è nato per gioco”, ha detto. “L’idea era quella di mettere online una foto al giorno senza una precisa tecnica o modalità, senza un preciso scopo”, ha commentato.

“Io penso di essere particolarmente fortunato, perché ho la possibilità di raccontarmi e, addirittura, vedere la gente che mi ascolta. Ho sempre seguito la mia strada, che mi ha permesso di andare avanti, di progredire, di superare gli ostacoli. Ho ingoiato diversi bocconi amari ma ho continuato a scommettere su me stesso, con tanto impegno e volontà di fare le cose per bene”.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Buon compleanno Twitter. E si avvicina la quotazione in borsa

Next Article

Ramazzotti in tour per l'ambiente

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.