L’Udu contro il bonus maturità: “Meccanismi discriminatori per gli studenti”

Maturità 2013

Maturità 2013, ancora polemiche. Sono stati resi noti, finalmente, i tanto attesi criteri di valutazione riguardanti il “bonus maturità” previsto dall’ex Ministro Profumo, che incideranno sul punteggio finale dei test. Il meccanismo, però, fa discutere.

“Già dal decreto si capiva che il criterio del calcolo del bonus maturità avrebbe portato non pochi problemi – ha commentato Michele Orezzi, coordinatore nazionale Udu. Infatti non soltanto serve un voto dall’80 al 100 centesimi per avere dai 4 ai 10 punti, inoltre va equiparato il voto di diploma alla media dei voti presi nello stesso istituto scolastico nell’anno accademico 2011/2012 e non nell’anno in cui si è conseguito il diploma.”

Continua Orezzi: “ Confrontando il calcolo dei percentili nella tabella pubblicata dal Ministero, si notano subito le disparità non solo tra città diverse, ma anche tra istituti della stessa città”.

Secondo i rappresentanti degli studenti questi meccanismi portano a discriminazioni che, sommate all’anticipo dei test a luglio e al test a crocette, scoraggiano sempre più gli studenti e impediscono loro di accedere alla facoltà scelta”:

Chiediamo un tavolo di discussione al Ministro Carrozza – ha concluso Orezzi – affinché si possa garantire realmente il diritto allo studio sancito dalla nostra Costituzione”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Abusivismo, sigilli per due scuole nel napoletano

Next Article

A Caserta il primo concorso di bellezza per Trans

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.