Lezioni di giornalismo, in cattedra Riccardo Iacona

A spiegare i trucchi del mestiere questa volta ci penserà Riccardo Iacona. Giornalista e autore di numerose inchieste, Iacona sarà all’Auditorium di Roma per raccontare l’essenza del giornalismo di inchiesta televisivo

A spiegare i trucchi del mestiere questa volta ci penserà Riccardo Iacona. Giornalista e autore di numerose inchieste, Iacona sarà all’Auditorium di Roma per raccontare l’essenza del giornalismo di inchiesta televisivo, quello realizzato nei luoghi deputati ,con la telecamera a tracolla e il microfono in mano, piuttosto che sulle poltroncine di uno studio tv.

Spetterà a lui chiudere l’edizione 2010-2011 della rassegna di approfondimento “Le grandi lezioni di Giornalismo”. Il 15 maggio, all’Auditorium Parco della Musica di Roma, il conduttore del programma di informazione “Presa Diretta” spiegherà al pubblico le tecniche di reportage e di investigazione, senza dimenticare il giornalismo “scomodo”. Attraverso la sua conduzione chiara e lineare Riccardo Iacona cercherà di raggiungere il suo pubblico dimostrando che in Italia c’è spazio per programmi di qualità e un’audience disponibile a premiarli.

Total
0
Shares
2 comments
Lascia un commento
Previous Article

A Roma Tre un convegno senza scarpe

Next Article

Cpu, nuove mobilitazioni negli atenei

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.