L’ERSU delle Marche: opportunità

L’ ERSU delle Marche fornisce servizi agli studenti delle Università, Accademie di Belle Arti e Conservatori musicali della regione.

L’ ERSU ( Ente Regionale per il diritto allo Studio Universitario) fornisce servizi agli studenti delle università, accademie di belle arti e conservatori musicali della regione. Tali servizi comprendono borse di studio, alloggio, ristorazione e trasporti, oltre a contributi per la mobilità internazionale.
La domanda per la borsa di studio o per il conferimento di contributi straordinari può essere compilata on-line dagli studenti italiani e stranieri dei diversi livelli di formazione (Laurea, Laurea Magistrale, Laurea Magistrale a ciclo unico, corsi di specializzazione obbligatori per l’esercizio delle professioni, dottorato, corsi di diploma di I e II livello) che possiedano i requisiti economici e di merito, variabili in relazione al tipo di contributo richiesto.
Gli ERSU nelle Marche sono così suddivisi: l’ERSU di Urbino fornisce servizi agli studenti dell’Università degli Studi di Urbino, dell’Accademia delle belle Arti e dell’ISIA di Urbino, del Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro; l’ERSU di Macerata a quelli dell’Università degli Studi di Macerata, dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, del Conservatorio musicale G. B. Pergolesi di Fermo; L’ERSU di Ancona a quelli dell’Università Politecnica delle Marche, della Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Ancona e dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “G. B. Pergolesi” di Ancona; L’ERSU di Camerino agli studenti dell’Università degli Studi di Camerino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage per traduttori

Next Article

Dall'idea all'impresa

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.