L’ERSU delle Marche: opportunità

L’ ERSU delle Marche fornisce servizi agli studenti delle Università, Accademie di Belle Arti e Conservatori musicali della regione.

L’ ERSU ( Ente Regionale per il diritto allo Studio Universitario) fornisce servizi agli studenti delle università, accademie di belle arti e conservatori musicali della regione. Tali servizi comprendono borse di studio, alloggio, ristorazione e trasporti, oltre a contributi per la mobilità internazionale.
La domanda per la borsa di studio o per il conferimento di contributi straordinari può essere compilata on-line dagli studenti italiani e stranieri dei diversi livelli di formazione (Laurea, Laurea Magistrale, Laurea Magistrale a ciclo unico, corsi di specializzazione obbligatori per l’esercizio delle professioni, dottorato, corsi di diploma di I e II livello) che possiedano i requisiti economici e di merito, variabili in relazione al tipo di contributo richiesto.
Gli ERSU nelle Marche sono così suddivisi: l’ERSU di Urbino fornisce servizi agli studenti dell’Università degli Studi di Urbino, dell’Accademia delle belle Arti e dell’ISIA di Urbino, del Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro; l’ERSU di Macerata a quelli dell’Università degli Studi di Macerata, dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, del Conservatorio musicale G. B. Pergolesi di Fermo; L’ERSU di Ancona a quelli dell’Università Politecnica delle Marche, della Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Ancona e dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “G. B. Pergolesi” di Ancona; L’ERSU di Camerino agli studenti dell’Università degli Studi di Camerino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage per traduttori

Next Article

Dall'idea all'impresa

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.