Le migliori università del mondo per l’occupabilità dei laureati

QS Quacquarelli Symonds, analisti globali della formazione universitaria, hanno pubblicato oggi il loro approfondimento annuale sulla relazione tra la scelta universitaria e l’occupabilità dei laureati.

Il risultato è il 2022 QS Graduate Employability Rankings: una lista indipendente delle migliori università del mondo per gli studenti orientati alla carriera.

Il Massachusetts Institute of Technology è il leader globale dell’occupabilità, ottenendo punteggi perfetti in tre dei cinque indicatori utilizzati da QS per compilare la tabella, che quest’anno include 550 università.

Il QS Graduate Employability Rankings offre un esame comparativo più dettagliato del lavoro che le università stanno facendo per coltivare percorsi propizi ad un impiego di alta qualità. Le università sono valutate in base alle partnership con i datori di lavoro (compresi i tirocini), il numero di leader tra i loro alumni, la frequenza con cui i datori di lavoro sono presenti nel campus, e il tasso di occupazione dei laureati recenti.

ITALIA

  • Il numero di università italiane in classifica (quattordici) è invariato rispetto alla scorsa edizione. Dieci perdono posizioni e quattro mantengono il risultato predecente.
  • Il leader italiano è il Politecnico di Milano ottiene il 43° posto, in calo di due posizioni, seguito da Alma Mater Studiorum – Università di Bologna che scende al 97° posto e da Sapienza – Università di Roma, che scende oltre le prime cento, per posizionarsi nella fascia 111-120.
  • Per l’indicatore che misura il tasso di occupabilità dei laureati, il Politecnico di Milano è 12° al mondo e il Politecnico di Torino è 28°.
  • Per l’indicatore che misura il numero di partnership e la ricerca prodotta in collaborazione con le aziende, l’Università di Padova è la nona al mondo, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna è la quattordicesima e il Politecnico di Milano il 24°.
  • Per l’indicatore “Alumni Outcome” che misura le carriere di successo in vari ambiti degli ex-studenti, Sapienza – Università di Roma è l’unica italiana tra le prime cento, posizionandosi al 92° posto.
  • Per l’indicatore “Employer Reputation” che si basa su un sondaggio di 75.000 datori di lavoro internazionali, il Politecnico di Milano ottiene il miglior risultato nazionale, con il 54° posto.
QS Graduate Employability Rankings 2022: Università Italiane   
2022                          2020   UniversitEmployer Reputation 30%Alumni Outcome 25%Partnerships with Employers per Faculty 25%Employer/Student Connections 10%Graduate Employment Rate 10%  
  
ScoreRankScoreRankScoreRankScoreRankScoreRank  
43=41Politecnico di Milano82.55435.821696.124201+99.312  
9784 43.9161=47.415198.814201+201+  
Università di Bologna  
111-12093Sapienza – Università di Roma35.621064.69274.1100201+201+  
121-130111-120Politecnico di Torino47.8141301+75.895201+97.628  
141-150121-130Università Cattolica del Sacro Cuore34.1222301+78.68377.593201+  
161-170151-160Università di Padova28.3267301+99.49201+201+  
201-250201-250Università di Milano301+301+67.6120201+201+  
251-300201-250Università di Trento301+301+58.314044.1200201+  
251-300201-250Università di Torino301+25.229250.9166201+201+  
301-500301-500Università degli Studi di Pavia301+301+46.3185201+201+  
301-500301-500Università di Milano-Bicocca301+301+201+201+201+  
301-500251-300Università di Napoli  Federico II301+301+50.2168201+201+  
301-500301-500Università di Verona301+301+63.3130201+201+  
501+301-500Ca’ Foscari ‘Università di Venezia301+301+201+201+201+  
                

I punti salienti internazionali includono:

  • L’Università di Stanford (2°) e l’Università della California, Los Angeles (3°) completano un podio tutto americano.
  • L’Università di Sydney è la prima università non americana (4°). È raggiunta nella top ten dall’Università di Melbourne (8°).
  • In Asia, l’Università Tsinghua (6°) in Cina, è la prima a livello regionale.
  • Solo un’università britannica raggiunge un posto nella top-ten: l’Università di Oxford (7°, dal 10°).
  • L’Università di Hong Kong è al 10° posto.
  • L’Institut Polytechnique de Paris (12°, nuovo arrivato) è al primo posto nell’Europa continentale.
  • Il leader del Canada è l’Università di Toronto (21°). È raggiunta nella top 25 dall’Università di Waterloo (24°).
  • Il Tecnológico de Monterrey in Messico è il leader dell’America Latina. Superando significativamente la sua classifica generale QS World University Rankings, si colloca al 26° posto.

Ben Sowter, direttore della ricerca, QS, ha detto: “Con gli studenti che diventano sempre più consapevoli della competitività del mercato del lavoro globale dei laureati, e dei costi sempre crescenti del loro investimento formativo, è cruciale che dati indipendenti di questo tipo siano a loro disposizione, per contribuire ad informare la scelta del loro percorso universitario.  Con le università australiane che ottengono risultati migliori di quelle britanniche, e con molte università in America Latina e in Asia che superano il loro rango nel nostro ranking globale (QS World University Ranking), è importante evidenziare quali università preparano laureati che riescono ad entrare con successo nel mondo del lavoro, soddisfando questo aspetto critico della loro missione.”

QS Graduate Employability Rankings 2022: Top 10
20222020UniversitàPaese
11Massachusetts Institute of TechnologyUSA
22Università di StanfordUSA
33Università della California, Los AngelesUSA
44Università di SydneyAustralia
55Università di HarvardUSA
66Università TsinghuaCina
710Università di OxfordRegno Unito
87Università di MelbourneAustralia
912Università di CornellUSA
109Università di Hong KongHong Kong SAR
© QS Quacquarelli Symonds 2004-2021 www.TopUniversities.com
Total
12
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"In quarantena solo i compagni di banco dello studente positivo": ecco il piano delle Regioni per evitare la dad

Next Article

"Dici sul serio?" Il meme di Chloe, star dei solcial, finisce all'asta: si parte da 15mila euro

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale