Lavoro, la grande impresa è ferma a dicembre

Schermata 2013-02-28 a 10.13.33

L’occupazione nelle grandi imprese al lordo dei dipendenti in cassa integrazione guadagni ha segnato a dicembre una variazione nulla rispetto a novembre. Al netto dei dipendenti in Cig l’occupazione e’ aumentata dello 0,1%. Lo comunica l’Istat sottolineando che, al netto degli effetti di calendario, il numero di ore lavorate per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) e’ diminuito, rispetto a dicembre 2011, del 2,7%. L’incidenza delle ore di cassa integrazione guadagni utilizzate e’ risultata pari a 40,1 ore ogni mille ore lavorate, in aumento di 4,7 ore ogni mille rispetto a dicembre 2011.

A dicembre la retribuzione lorda per ora lavorata (dati destagionalizzati) ha registrato un aumento dell’1,4% rispetto al mese precedente. In termini tendenziali l’indice grezzo e’ cresciuto del 6,6%. Rispetto a dicembre 2011 la retribuzione lorda per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) e’ salita del 2% e il costo del lavoro per dipendente dell’1,7%. Considerando la sola componente continuativa, la retribuzione lorda per dipendente e’ aumentata, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dell’1,6%. Nell’intero anno 2012 la retribuzione lorda per dipendente e il costo del lavoro sono cresciuti, nel confronto con l’anno precedente, rispettivamente dell’1,2% e dell’1,1%.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Draghi a Monaco: "la disoccupazione è una tragedia"

Next Article

Scoperto il virus che ferma il tumore

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.