Lavoro, 6 aziende su 10 cercano profili su LinkedIn

Linked'in

Il lavoro? Lo trovi sui social. Facebook, Twitter ma soprattutto LinkedIn: è il momento del lavoro trovato grazie alla rete. E sembra che le aziende diano sempre maggiore rilevanza alla presenza dell’utente sui nuovi mezzi di comunicazione.

Uno studio realizzato dall’Aidp (Associazione italiana per la direzione del personale) ha scoperto, infatti, che ben 6 aziende su 10 utilizzano sistematicamente LinkedIn per ricercare di personale qualificato. Ma il social serve anche per generare rapporti più informali all’interno della propria organizzazione, per creare idee innovative e per confrontarsi con più clienti.

Sono 4 milioni gli iscritti a LinkedIn in Italia, ma in pochi riescono a sfruttarne al meglio le potenzialità. Grazie a pochi passi è possibile migliorare la propria posizione sul social e sperare in una maggiore attrattività nei confronti dei datori di lavoro.

In primis l’immagine, che occupa lo sguardo dei selezionatori per il 20 % del tempo e che troppo spesso viene sottovalutata dagli utenti. Non va dimenticato il titolo professionale, con la possibilità di usare i termini giusti e la descrizione appropriata alle capacità personali. Tenere presente, poi, i contatti, che sono quelli che ti mettono in condizione di trovare più facilmente lavoro.

L’ultimo consiglio? Essere sempre in movimento, non restare mai con le mani in mano e agire sempre professionalmente. Dicono sia questa la regola di LinkedIn.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sindone, Nosiglia: "Nessun valore alle nuove ricerche"

Next Article

SUN, gli studenti chiedono più appelli per i fuori corso

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.