L’ateneo senese offre borse alla ricerca

L’Università di Siena ha istituito diverse borse di studio per svolgere attività di ricerca nelle strutture dell’Ateneo. Le borse sono destinate a vari ambiti disciplinari per dare l’opportunità a studenti provenienti da diverse aree d’ateneo di usufruire del sostegno finanziario universitario.

Vediamo nel dettaglio le offerte dell’ateneo senese. Per gli studenti iscritti al primo anno dei corsi di laurea magistrale in inglese della facoltà di Economia, Economics, Management and governance – curriculum in Accounting and management, e Finance, sono disponibili 15 borse di studio istituite con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi.

Sempre alla facoltà di Economia, per gli studenti iscritti al primo anno del corso di laurea magistrale in Economia e gestione degli intermediari finanziari, è disponibile una borsa di studio intitolata alla memoria di Jenny De Angelis, laureata della facoltà prematuramente scomparsa. La scadenza per partecipare ai concorsi per queste borse è il 29 gennaio 2010.

Ulteriori bandi aperti sono in riferimento a borse di studio destinate a studenti di Lettere, Scienze Geologiche e Medicina. Tutti i bandi sono disponibili on line al link www.unisi.it/didattica/borse.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Conad assumemolti i profili disponibili

Next Article

La Parthenope presenta un nuovo sito

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.