L'agenzia nazionale per la valutazione dell'università e della ricerca, completa la squadra di governo.

Uno degli organismi più importanti per il mondo della ricerca e dell’università è l’agenzia nazionale di valutazione, la cosiddetta Anvur; il suo compito è centrale per il presente e soprattutto per il futuro del nostro Paese, in quanto dovrebbe indicare cosa funziona e cosa non funziona nell’ambito del sistema università e ricerca. Un ente utile a orientare grosse fette di finanziamenti pubblici, premiando alcuni e penalizzando altri.

Il presidente dell’agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, prof. Antonio Felice Uricchio, a seguito della sentenza del 7 ottobre 2020 del Tar Lazio, sezione terza, che ha confermato la legittimità della sua elezione (sospesa dopo che due membri del consiglio direttivo Anvur, Fabio Beltram e Maria Luisa Meneghetti avevano fatto ricorso al Tar, ndr.) ha nominato vice presidente la prof.ssa Alessandra Celletti, componente del Consiglio Direttivo dal 21 aprile scorso.
Il Presidente Uricchio ha proceduto anche alla nomina dei componenti del Consiglio Direttivo delegati per ambiti tematici. Il prof. Massimo Tronci sarà il delegato per la Valutazione delle università; la prof.ssa Marilena Maniaci per le Attività internazionali; il prof. Menico Rizzi per l’Attività di ricerca inerente alla valutazione. La delega per la Valutazione della ricerca è stata attribuita alla Vice Presidente, prof.ssa Celletti.
Con tali nomine si completa dunque la squadra di governo dell’Agenzia che sovraintende alla valutazione del sistema universitario e degli enti di ricerca vigilati dal ministero dell’Università e della Ricerca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Laurea abilitante per farmacisti, dentisti, psicologi e veterinari: il testo Manfredi in Parlamento

Next Article

Legge di Bilancio 2021: bonus in busta paga, assegno unico e incentivi assunzioni under 35

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.