L’accusa: l’università Donald Trump è una truffa

università Donald Trump

Università Donald Trump Il procuratore generale di New York chiede che l’imprenditore rimborsi gli studenti con 40 milioni di dollari I ragazzi arrivavano a pagare anche 35.000 dollari per corsi che duravano pochi giorni

 

L’università di Donald Trump sotto inchiesta: dovrà restituire 40 milioni di dollari agli studenti che hanno frequentato i suoi corsi.

L’accusa arriva direttamente dal Procuratore generale dello Stato di New York, Eric Schneiderman, secondo cui l’istituto dell’imprenditore immobiliare non aveva nessuna licenza per presentarsi con il titolo di università.

Per niente intimorito dalle accuse, Donald Trump, ha prontamente risposto che l’indagine è una semplice persecuzione politica: Schneiderman, infatti, si starebbe vendicando perché l’imprenditore si era rifiutato di sovvenzionare la sua campagna elettorale.

E ha poi rilanciato dichiarando di avere 11 mila ragazzi, il 98 % dei suoi studenti, pronti a testimoniare sulla qualità della sua accademia.

La Trump Academy proponeva corsi e seminari per insegnare i segreti del successo nel campo immobiliare. Gli studenti arrivavano a pagare cifre tra i 1.500 e i 35.000 dollari per frequentare corsi della durata di pochi giorni.

Ad attirare i ragazzi c’era sicuramente il nome del brillante imprenditore, ma anche la promessa di un suo impegno diretto per cercare stage e inserimenti in azienda destinati a tutti gli iscritti alla Academy.

Sarà ora il tribunale della città di New York che dovrà risolvere la questione e decidere se l’iniziativa del famoso imprenditore edile sia davvero una truffa o no.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Venezia, Prof inneggia al Ku Klux Klan. Reazioni durissime: "Via dalla scuola italiana"

Next Article

I sentimenti animali sono simili a quelli umani

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.