La Sun per “Il Grande Cuore di Napoli”

Una manifestazione in Villa Comunale e un premio per la ricerca a favore dei piccoli ammalati.

Una manifestazione in Villa Comunale e un premio per la ricerca a favore dei piccoli ammalati. Si chiama “Il Grande Cuore di Napoli”, ed è il tema che guida una serie di iniziative promosse dalla Presidenza della Facoltà di Medicina e Chirurgia della Seconda Università degli Studi di Napoli, con Unicredit, l’Assessorato allo Sport del Comune di Napoli ed altri sponsor, e che hanno l’unico obiettivo di reperire risorse finanziarie per favorire la ricerca e migliorare l’assistenza a favore dei piccoli degenti della Pediatria.

L’appuntamento è per domenica 2 ottobre in Villa Comunale (ingresso da piazza San Pasquale) dalle 10.30 alle 14.30: una serie di attrazioni per i bambini, dai giochi di animazione ai laboratori musicali e di pittura, agli spettacoli, alla lettura di fiabe fino al giocoliere sputafuoco.
Partecipiamo volentieri a questi importante progetto – ha spiegato l’assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli, Giuseppina Tommasiello In Italia sono sempre più esigui i finanziamenti destinati alla ricerca e questo crea un grave gap sulla evoluzione scientifica e sulle ricadute positive che essa potrebbe avere per la salute dei più piccoli. Solo una grande collaborazione tra le istituzioni può portare ad un parziale superamento di questo momento così difficile. Ed è per questo che siamo lieti di aver contribuito a questa giornata dedicata ai bambini”.

Una giornata che la Presidenza della Facoltà di Medicina della Sun ha voluto e promosso per accendere i riflettori sul disagio dei piccoli ammalati e sulla necessità di reperire fondi per sostenere la ricerca e migliorare l’assistenza.
La centralità della ricerca scientifica per l’Università, per il suo sviluppo e per la crescita dell’intero Paese è uno dei principi cui si ispira oggi il governo degli Atenei – ha spiegato il Rettore della Sun, Francesco Rossi Purtroppo oggi reperire finanziamenti per la ricerca, sia essa di base o applicata, è la sfida quotidiana, per chi governa gli Atenei italiani. Lo Stato ne elargisce pochi, pochissimi, e diventa necessario affidarsi soprattutto alle capacità individuali degli stessi ricercatori, impegnati ad attrarre fondi per autofinanziarsi”.

E’ con questo obiettivo che Unicredit ha deciso di stanziare un premio di 10mila euro che ha destinato al Dipartimento di Pediatria della Sun, diretto dalla professoressa Laura Perrone.

Quando è stato chiesto a UniCredit di dare supporto al progetto Il grande cuore di Napoli – dichiara Felice Delle Femine, Responsabile Sud di UniCredit – abbiamo sentito il dovere morale di essere in prima fila in questa iniziativa. La ricerca scientifica in Italia è una questione prioritaria, ancora di più se si parla di pediatria infantile. Per questo Unicredit è lieta, nonché orgogliosa, di dare questo riconoscimento, insieme al Dipartimento di Pediatria, ad un ricercatore impegnato a trovare risposte per malattie che colpiscono tanti bambini e di cui purtroppo ancora oggi non si conosce la natura.”

Tutte le informazioni relative alla manifestazione di domenica 2 ottobre saranno distribuite, grazie all’appoggio di Federfama Napoli, nelle Farmacie cittadine.
Dobbiamo ringraziare Unicredit e tutti gli sponsor che ci hanno sostenuto in questa grande iniziativa – ha detto il preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia della Sun, Giuseppe Paolisso Iniziativa per noi molto importante e significativa. Cerchiamo così di coinvolgere anche la società civile, che ci auguriamo partecipi numerosa alla manifestazione di domenica in Villa, e ci sforziamo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della ricerca scientifica a favore dei bambini ammalati. E i progetti di ricerca presentati dai ricercatori del nostro Dipartimento di Pediatria, hanno spesso avuto riconoscimento di validità attraverso i numerosi finanziamenti nazionali e regionali pubblici e privati”.

Il Dipartimento Clinico è centro di riferimento Regionale ed, in alcuni casi nazionale, delle patologie pediatriche più comuni e di alto impatto sociale quali la patologia tumorale infantile, l’obesità complicata ed il Diabete infantile.
Numerosi sono i Centri di riferimento regionale presenti presso il Dipartimento che esplicano intensa attività assistenziale con modalità di ricoveri ordinari, di Day Hospital e di attività ambulatoriale e di consulenza: Oncologia Pediatrica, Diabetologia Pediatrica, Difetti di chiusura del tubo neurale (spina bifida), Centro proscrittore dell’Ormone della Crescita, La talassemia infantile e la Celiachia.

Nella attuale situazione di disagio della Sanità – ha detto Laura Perrone, direttore del Dipartimento di Pediatria – e della Ricerca Universitaria, il Dipartimento di Pediatria intende mettere in atto tutti gli interventi in grado di ottenere mezzi per migliorare quanto intrapreso in termini di potenziale per la ricerca e l’assistenza alla popolazione fragile della nostra Regione”.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

ANIMAZIONI: GIOCHI , PAGLIACCI, GIOCOLIERI, TRAMPOLIERI, ANIMAZIONI ITINERANTI, MICROMAGIE , BOLLE DI SAPONE

LABORATORI PER BAMBINI:
– SPILLANDO
– CAPPELLAIO MATTO
– TECNICHE DI PITTURA

LABORATORIO MUSICALE

SPETTACOLI

ORE 11.00 – 11.45 MINI ZOO
Abitudini e biologia di animali come serpenti, iguane, conigli ecc, illustrate da una biologa. I bambini potranno vedere gli animali dal vivo!

ORE 11.00 – 12.00 e ORE 12.30 – 13.30 LETTURA FIABE Lettura con accompagnamento musicale della fiaba Pierino e il lupo

ORE 12.15 – 13.00 GIOCOLIERE SPUTAFUOCO

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli atenei parlano inglese

Next Article

Atenei in rivolta per una società alternativa

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".