La Sun insieme alle donne

Attivato presso la Sun costituzione un punto d’ascolto per tutte le donne che hanno subito un intervento al seno con le protesi PIP
protesi PIP difettosa

In un mondo che corre veloce le università devono sempre stare al passo. L’ultimissima risposta alle problematiche della modernità arriva dalla Seconda Università di Napoli con la costituzione di un punto d’ascolto presso il reparto di chirurgia plastica per tutte le donne che hanno subito un intervento al seno con le dannose protesi PIP.

Il reparto diretto dal prof. Francesco D’Andrea accoglierà tutte le donne che hanno subito un intervento di aumento del seno e che non sono a conoscenza della casa produttrice francese. Nel 2010 l’autorità francese ha avviato l’indagine nei confronti ella Poly Implant Prosthese (Pip), società francese produttrice di protesi mammarie strutturate con un tipo di silicone non conforme all’uso medico.

Lo staff del prof. D’Andrea è a disposizione per una valutazione specialistica e per la programmazione di un iter diagnostico-terapeutico. E’ possibile richiedere informazioni o effettuare una prenotazione al seguente recapito 0815665557 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contributi a studenti da Fondazione Intesa Sanpaolo

Next Article

World Press Photo, ultimi giorni

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".