La scuola che verrà: un progetto per come tornare in classe

L’anno scolastico 2019/2020 sarà ricordato nel tempo come l’anno del Covid-19, con tutto quel che ne consegue. Mesi frenetici nella loro immobilità, nell’incertezza del cammino da percorrere, nell’improvvisazione delle modalità didattiche e valutative, nel dubbio delle modalità degli Esami di Stato del primo e del secondo ciclo.

L’iniziativa

La Tecnica della Scuola, che da 70 anni cammina, spianando la strada, a fianco dei docenti e dei dirigenti lungo i sentieri non sempre facili e lineari della scuola, anche in questa occasione non ha voluto mancare di dare il suo contributo. Un team di esperti, costituito da Anna Maria Di Falco, Salvo Impellizzeri, Giovanni Morello, Fiorenza Rizzo, ha elaborato un progetto di revisione didattica e organizzativa del primo e del secondo ciclo di istruzione, denominato La scuola che verrà, presentato in anteprima alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, alla task force ministeriale che sta gestendo l’emergenza Coronavirus sul fronte dell’istruzione nazionale, ai dirigenti scolastici, ai docenti e a tutto il personale scolastico.

Il progetto affronta alcuni aspetti nodali riguardanti la valutazione delle prestazioni degli alunni con la didattica a distanza e gli scrutini di fine anno, sui quali non tutte le scuole si stanno muovendo nella stessa direzione, ma soprattutto focalizza l’attenzione e dà indicazioni operative sull’organizzazione della scuola, dell’attività didattica, del personale docente e Ata che sarà necessario attuare a partire dal primo giorno di settembre del prossimo anno scolastico 2020/2021, per iniziare il nuovo anno scolastico in maniera, per quanto possibile, ordinata e pianificata.

L’articolazione del progetto

Il progetto è articolato in quattro parti:

  1. L’organizzazione della scuola, dell’attività didattica e delle discipline nel primo ciclo a cura di Salvatore Impellizzeri
  2. L’organizzazione della scuola, del personale docente e Ata e dell’attività didattica nel II ciclo a cura di Anna Maria Di Falco
  3. La valutazione oggi e in futuro in condizione di didattica a distanza nella scuola secondaria di I grado a cura di Giovanni Morello
  4. La progettazione e la valutazione con la didattica a distanza nella scuola secondaria di II grado a cura di Fiorenza Rizzo

Non è finita qui

Seguiranno altre proposte operative sulla valutazione, sulla ri-progettazione degli ambienti di apprendimento, sui Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento, su Cittadinanza e costituzione con indicazioni per i dipartimenti e i consigli di classe per il nuovo anno scolastico.

tecnicadellascuola

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorso scuola, pubblicati bandi in Gazzetta Ufficiale. Le novità

Next Article

Il ritorno a scuola in Germania

Related Posts
Leggi di più

Otto studenti su dieci a scuola in presenza: ecco i nuovi dati del Ministero sul rientro in classe. I docenti assenti sono l’8%

Il Ministero dell'Istruzione ha diffuso i dati sulle presenze a scuola nella settimana che va dal 17 al 22 gennaio. Tra Dad e Ddi le classi che stanno facendo lezione a distanza sono il 30% del totale. Il ministro Bianchi: "Numeri che dimostrano la bontà delle scelte fatte. Adesso regole più semplici per aiutare studenti e famiglie".