La Rassegna Stampa di venerdì 10 aprile

“Amiamo l’Italiano, ma non chiamateci secchioni”. Parte con queste parole la rassegna stampa di stamattina, che celebra la finale delle Olimpiadi di Italiano prevista a Firenze. Ma sono tante, e diverse, le notizie dal mondo della scuola, dell’Università e della Ricerca sui principali quotidiani italiani.
La Gazzetta del Mezzogiorno si concentra sulle novità della lingua e le sue evoluzioni: “E alla fine la Crusca assolve Facebook” è il titolo.
L’Arena di Verona analizza quella che sarà la scuola del futuro, in sperimentazione già in città: “Niente materie e gli argomenti si vedranno da più punti di vista”.
Il Corriere della Sera, nella sua sezione Cronaca di Roma, si concentra invece sul fenomeno del Knockout game, sempre più diffuso nelle maggiori città.
Repubblica Roma ci parla del grande raduno degli inventori, con la nuova edizione della Maker Faire.
Il Giornale si concentra, infine, sui finanziamenti europei erogati senza requisiti, con il segretario dell’Ambiente, Agostini, che finirà a processo.
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi Rassegna stampa 10 aprile

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giannini risponde ai docenti: "Presidi avranno leadership, non potere"

Next Article

Cyberbullismo, lunedì arrivano le nuove linee di orientamento

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).