La rassegna stampa di venerdì 04 marzo

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – Docenti universitari, la nuova abilitazione parte entro l’estate – Dopo il via libera del Consiglio dei Ministri, la nuova formula per l’Abilitazione Scientifica Nazionale dovrebbe esordire entro fine estate. La procedura di abilitazione durerà 6 anni e permetterà un risparmio annuo di circa 2 milioni di euro.
Avvenire – Dispersione scolastica, pesante ipoteca per il futuro dell’Italia – Il 17,6% degli studenti delle scuole superiori abbandonano prima di arrivare al titolo, peggio di noi, in Europa, fanno solo Spagna e Portogallo. Un dato che pesa inevitabilmente sulle future possibilità economiche del sistema Italia.
Il Sole 24 Ore – Nasce nell’Ateneo di Pisa il Google dei brevetti – Un algoritmo che prevede il futuro successo dei brevetti appena registrati: così all’Università di Pisa le innovazioni vengono raccolte e ordinate secondo il loro grado di produttività potenziale.
Avvenire – Tim e dirigenti delle scuole alleati per l’innovazione didattica – Un protocollo d’intesa tra l’azienda di telecomunicazioni e l’associazione nazionale presidi per portare le nuove tecnologie sui banchi di scuola.
Internazionale – L’università si mobilita per Giulio Regeni – Il caso di Giulio Regeni continua a far discutere anche al di fuori dei confini nazionali: la comunità scientifica di tutto il mondo, dall’Egitto al Regno Unito, chiede risposte e chiarezza sulla morte del giovane ricercatore.
Il venerdì – C’è vita su Marte? Parte la missione europea – La missione ExoMars dell’Esa è ormai sulla rampa di lancio: indagherà a fondo le possibilità di vita marziana ed esplorerà il pianeta rosso come mai nessuna spedizione ha mai fatto prima.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

CNSU, approvata la riforma: "Finalmente un sistema più democratico"

Next Article

Europa e i giovani 2016: contest di scrittura aperto a studenti di tutte le età

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"