La rassegna stampa di mercoledì 02 dicembre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli di oggi selezionati dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Manifesto – Tra ignoranza e manipolazione – Il caso della scuola di Rozzano; la manipolazione mediatica intorno alla scelta (più che legittima) di un preside di tutelare tutti i suoi studenti; il solito polverone alzato dagli esponenti politici.
La Gazzetta del Mezzogiorno – Servono i supplenti per 8 mila cattedre vuote – Nel Meridione, ma non solo, sono ancora numerosissime le cattedre che necessitano di una supplenza. L’opportunità per circa 8 mila docenti di fare lezione anche per quest’anno scolastico, in attesa del concorsone scuola previsto per il prossimo anno.
La Repubblica – Povero inglese, la battaglia per arricchire la lingua – La lingua anglosassone a rischio impoverimento lessicale e grammaticale a causa dell’eccessivo utilizzo. Le università invitano a scrivere in maniera forbita e ad evitare l’appiattimento da social network.
La Stampa – C’è un altro universo là fuori, lo guarderemo con occhi da insetto – Al via la sperimentazione dell’osservatorio spaziale “Lisa” che studierà il cosmo e le sfuggenti onde gravitazionali.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dal 7 al 15 dicembre, la Settimana del Piano Nazionale Scuola Digitale. Nelle scuole laboratori aperti e gare di innovazione

Next Article

PhD ITalents: 980 imprese pronte ad accogliere dottori di ricerca

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).