La rassegna stampa di martedì 27 ottobre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Mattino – Giannini: “Le risorse ci sono: in 7 anni 19 miliardi al settore” – Il Ministro dell’Istruzione torna sul PON 2014-2020 e sull’investimento complessivo che il Governo attuale metterà a disposizione per rilanciare il comparto scuola. 3 miliardi di euro verranno direttamente dal PON, mentre i restanti 16 provengono dagl’impegni assunti con il Decreto Legge La Buona Scuola.
Il Messaggero – L’Ateneo che abolisce l’italiano – Ieri, durante la cerimonia d’inaugurazione dell’anno accademico e alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, 126 docenti del Politecnico di Milano hanno inviato una lettera di denuncia per la scelta dell’Ateneo di tenere tutti i corsi di laurea magistrale in lingua inglese, abolendo di fatto l’italiano.
La Stampa – Meno scrivanie fisse e il pc come ufficio: ecco come funziona il lavoro agile – Si chiama smart work, prevede molta flessibilità per quel riguarda orari e luoghi di lavoro: la nuova tendenza sta prendendo piede anche tra le aziende italiane, anche perché aumenta la produttività e il benessere di chi la adopera.
Corriere della Sera – Campus, Piano regala il progetto al Politecnico – Renzo Piano ha disegnato il progetto per la nuova sede del Politecnico di Milano: 100 alberi, una grande piazza centrale, aule innovative, laboratori.
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tiger: assunzioni di personale in tutta Italia

Next Article

Anche Obama contro i test d'ingresso: "Sono un'ossessione"

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"