La rassegna stampa di martedì 17 novembre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli di oggi selezionati dalla redazione del Corriere dell’Università.
La Repubblica – I bambini a scuola con lo psicologo: “Maestra, i terroristi torneranno?” – Le paure dei bambini che ieri hanno affrontato il tema delle stragi di Parigi in classe, aiutati nella comprensione da maestri e specialisti.
Il Sole 24 Ore – La scuola chiede il contratto – Dagli scatti stipendiali ai nuovi orari di lavoro: la proposta presentata dai sindacati di settore per il nuovo contratto scuola in 4 linee guida.
Il Sole 24 Ore – A 63 milioni di adolescenti negato il diritto di istruzione – L’indagine Unicef mostra la mappa dei paesi e le situazioni in cui i ragazzi ancora in età adolescenziale sono costretti ad abbandonare la scuola o non possono accedervi.
La Nazione – Il prof: “Mi deridono sul web”. Va a denunciare tutta la classe – Il caso ad Arezzo dove un docente esasperato per gli insulti e le beffe subite dai suoi alunni in Rete ha deciso di denunciare l’intera classe ai carabinieri. Il preside, per ora, non ha voluto prendere iniziative.
Il Messaggero – Tra gli studenti della Sorbona: “L’unica risposta è combattere” – Le voci dei ragazzi che frequentano l’università più antica di Francia all’indomani degli attentati che hanno scosso Parigi e il mondo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Carta del Docente: le FAQ del Miur su come utilizzarla

Next Article

OrientaSud premia i talenti campani: video e poesie raccontano il territorio

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".