La rassegna stampa di martedì 14 aprile

Il crollo del solaio in testa ai bambini della scuola elementare Pessina di Ostuni è senz’altro la principale notizia sui principali quotidiani italiani di oggi.
La Stampa, nello specifico, propone un’intervista al Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, che chiama in causa gli enti locali “Facciano la loro parte” – ammonisce il titolare di viale Trastevere.
Il Corriere della Sera ricostruisce i momenti del crollo, con il racconto dei bambini in classe: “Stavamo facendo matematica, poi è venuto giù tutto”.
Il Mattino, invece, riporta le dichiarazioni del governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola: “In carcere i responsabili”.
Ma ancora, la notizia di un bambino autistico precipitato dal secondo piano della sua scuola a Milano, l’intervista alla neo direttrice del CERN, Fabiola Gianotti, il commosso ricordo dello scrittore Gunter Grass, e il Politecnico di Torino che entra nella lista delle migliori 100 università al mondo.
Scuola, Università e Ricerca: leggi e scarica la rassegna stampa di oggi rassegna stampa 14 aprile

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bullismo a scuola: un'intera classe "costretta" al volontariato in centro anziani

Next Article

Il rompicapo per gli studenti cinesi che fa impazzire il Web

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.