La rassegna stampa di giovedì 29 ottobre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – Scuola lavoro, il futuro di Pompei – Studenti del liceo in alternanza scuola lavoro negli scavi di Pompei: il progetto potrebbe portare un flusso di “aiutanti” agli esperti che lavorano nel sito archeologico campano, da sempre in cronica mancanza di risorse.
Il giornale di Sicilia – Insegnanti, sciopero generale il 13 novembre – Ricomincia la stagione degli scioperi nel mondo della scuola: a quello indetto dagli studenti il prossimo 17 novembre si aggiunge uno sciopero generale di docenti e addetti ai lavori per il 13 dello stesso mese. Al centro della contestazione, la riforma avviata con La Buona Scuola.
Popotus – Troppe scuole senza mensa – Il 40% degli istituti non ha mensa scolastica: un deficit che penalizza soprattutto famiglie e studenti, costretti a provvedere ai pranzi o impossibilitati a lasciare i ragazzi a scuola in pomeriggio.
La Repubblica – Via dalla scuola per la favola della principessa eroina – Una favola in cui è la principessa a salvare il principe dal malefico drago: tanto è bastato ad una coppia di genitori per gridare alla cospirazione gender e ritirare la figlia da scuola.
La Nazione – L’università deve essere glocal. Piccoli Atenei, immensa risorsa – A dichiararlo è Massimo Manfredi, presidente della Conferenza dei Rettori delle Università italiane. Il rilancio del sistema d’istruzione superiore passa inevitabilmente dai piccoli atenei.
Il Giornale – La musica è preziosa anche per la salute – Si moltiplicano gli studi che vedono una correlazione stringente tra benessere fisico – mentale e buona musica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Assunzioni Buona Scuola: alle medie 9 prof di matematica in più, ma abbondano docenti di musica e ginnastica

Next Article

All'università arriva il corso su Game of Thrones

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".