La rassegna stampa di giovedì 23 aprile

Scuola, Università e Ricerca: ecco le principali notizie sui quotidiani italiani in edicola. Partiamo dall’anagrafe dell’edilizia scolastica: è arrivata propri ieri la notizia del rinvio a data da destinarsi: “Mancano ancora i dati di 6 regioni” – titola il Resto del Carlino.
L’Unione Sarda, sempre sul tema dell’edilizia scolastica, affronta un viaggio all’interno della Sardegna, tra istituti scolastici e edifici pubblici decadenti.
Il Gazzettino, nella sua edizione di Pordenone, racconta la storia della studente modello che ha fatto ricordo al TAR: “Voleva un 100, ma non è andato oltre il 94”.
Il Corriere della Sera ospita una riflessione sul tema della lettura e sulla promozione della lettura tra i giovani.
Da Napoli, invece, arriva la storia degli studenti maltrattati dalle maestre, che sono comparse davanti al giudice per il processo.
Ma ancora: gli scontri davanti al rettorato dell’Università di Torino, la rivolta degli studenti in Lombardia per i fondi alle private, la laurea presa a Tirana che non avrà valore legale,
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi Rassegna stampa 23 aprile

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le Università di tutta Europa si fermano per ricordare Garissa

Next Article

Giannini contro lo sciopero del 5 maggio: "La scuola non è solo di sindacati e precari"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.