La Poesia in piazza a Roma: “World Poetry Movement”

Può ancora oggi la poesia diventare potente strumento di comunicazione? La risposta è sì, sfruttando le nuove possibilità della rete e chiedendo ai poeti di tutto il mondo di alzare la voce su quello che non va. Il 29 Febbraio 2012, a partire dalle 20.30, ci sarà un grande evento: il primo di una serie di reading poetici trasmessi in diretta streaming mondiale sul sito ufficiale dell’evento.

Può ancora oggi la poesia diventare potente strumento di comunicazione? La risposta è sì, sfruttando le nuove possibilità della rete e chiedendo ai poeti di tutto il mondo di alzare la voce su quello che non va. Il 29 Febbraio 2012, a partire dalle 20.30, ci sarà un grande evento: il primo di una serie di reading poetici trasmessi in diretta streaming mondiale sul sito ufficiale dell’evento.

A Roma l’appuntamento è al locale Le Mura, in via di Porta Labicana, 24 -una location selezionata appositamente per ampliare quelli che comunemente sono pensati essere luoghi canonici della poesia: questo evento è ben lontano dal rivolgersi esclusivamente ad un pubblico di specialisti, ma richiede la partecipazione di tutti. Accanto alle performance di giovani poeti romani (Marco Lupo, Marco Cinque, Alessandra Bava, Olga Campofreda, Angelo Zabaglio ed altri) tutti quanti sono chiamati a condividere una poesia sul palco.

 Le performance sono anticipate dalla proiezione del film documentario sulla vita del poeta Jack Hirschman, “Il Poeta Rosso” di M. Furey.

Cos’è esattamente il World Poetry Movement? Si tratta di un organismo internazionale che nasce con questo obiettivo: attraverso la bellezza della poesia, riuscire a fare luce sulle problematiche più rilevanti dei nostri tempi sul tema politico, sociale, ambientale. Da una comunicazione efficace e diretta, quale quella permessa dai versi letti in pubblico, il passo successivo sarà quello dell’azione, così da riuscire finalmente a contraddire un pessimo luogo comune: quello che connette l’arte poetica esclusivamente alla dimensione estetica. Tra i principali sostenitori di questo movimento spicca quello di Lawrence Ferlinghetti, storico protagonista della Beat Generation.
 Nel 2014 il WORLD POETRY MOVEVEMENT sarà riconosciuto Ente Mondiale per la Pace dall’UNESCO.

 Le performance del 29 saranno anticipate da un “ micro” evento poetico (in una forma analoga al flash mob) presso il mercato di Campo de’ Fiori sabato 25 alle ore 11 con la distribuzione di brani poetici e la lettura di poesie da parte di alcune personalità del mondo della cultura, proprio a sottolineare la volontà di avvicinare la poesia ed il suo messaggio ad un pubblico sempre più ampio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Martedì 28 febbraio inaugurazione del 676° anno accademico dell’università di Camerino

Next Article

Torino, linea verde informa sul vaccino anti-Hpv

Related Posts
Leggi di più

Napoli, nasce la Scuola dei Maestri di Strada

È un progetto sociale che mette alla prova il contratto fra le generazioni. L'inclusione sociale implica un cambiamento dell'intera struttura sociale", spiega Cesare Moreno, presidente di Maestri di Strada onlus.