Torino, linea verde informa sul vaccino anti-Hpv

Una Linea verde per informare genitori, insegnanti e ragazzi sul primo responsabile del cancro al collo dell’utero e sul vaccino per combatterlo.

Una Linea verde per informare genitori, insegnanti e ragazzi sul primo responsabile del cancro al collo dell’utero e sul vaccino per combatterlo (Papillomavirus umano – HPV). L’iniziativa, una casella di posta elettronica che permette un filo diretto con un team di esperti, è stata presentata dal Dipartimento di discipline ginecologiche e ostetriche dell’università di Torino.

L’indirizzo e-mail è già attivo e punta a promuovere la vaccinazione preventiva, aumentando la copertura fino a raggiungere livelli ottimali. Durante un convegno organizzato nell’ottobre scorso per fare il punto sugli ultimi aggiornamenti in materia di malattie Hpv-correlate – ricorda una nota – è emersa l’esigenza di mettere a disposizione uno strumento di informazione affidabile e di facile accesso per tutta la popolazione, su questo tema ancora poco conosciuto.

 L’indirizzo e-mail da contattare per tali informazioni è [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Poesia in piazza a Roma: "World Poetry Movement"

Next Article

Sabato 17 marzo convegno nazionale COSAU

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".