La guida del Corriere

Con la maturità alle spalle si gode il meritato riposo e tra il sapore di mare e una visita ad una città artistica, un pensiero va al domani. A quale facoltà iscriversi? Fare la valigia e partire per un anno di crescita fuori dalle mure domestiche? Attivarsi a settembre per la ricerca di un lavoro e poi pensare agli studi uperiori? Solo alcuni dei quesiti che faranno capolino nelle vostre menti, durante l’assolato mese di agosto.

Con la maturità alle spalle si gode il meritato riposo e tra il sapore di mare e una visita ad una città artistica, un pensiero va al domani. A quale facoltà iscriversi? Fare la valigia e partire per un anno di crescita fuori dalle mure domestiche? Attivarsi a settembre per la ricerca di un lavoro e poi pensare agli studi superiori? Solo alcuni dei quesiti che faranno capolino nelle vostre menti, durante l’assolato mese di agosto.
Ci uniamo al vostro dolce otium e per supportarvi in quei momenti in cui vi interrogherete sul domani, vi proponiamo la consultazione della Gudia del Corriere. Uno strumento scorrevole e lineare  di orientamento, che si propone di offrirvi una prima bussola sulla vasta panoramica dei corsi universitari, impostati per regione e città.
La guida vi presenta l’offerta formativa dei corsi di laurea triennale degli atenei italiani e delle accademie delle belle arti che rilasciano diplomi, equiparati ai titoli accademici.
Vi segnaliamo che per determinate discipline come Medicina, Medicina Veterinaria, Architettura, Farmacia, Formazione Primaria, Giurisprudenza, i corsi sono di cinque o sei anni (per Medicina) e si definiscono lauree magistrali a ciclo unico.
Il criterio metodologico si basa sulla divisione dei corsi di laurea all’interno delle singole facoltà; ogni area di studi corrisponde a una facoltà, raggruppate per Regioni, in ordine alfabetico. Si presenta dunque l’elenco delle università con i corsi di laurea relativi. Vuoi fare l’ingegnere gestionale, ma non sai se nella tua regione è attivo il corrispondente corso di laurea? Potrai facilmente consultare l’area di studi e la regione interessate e valutare l’esistenza del corso.
Data la multidisciplinarietà di determinati corsi di studi, vi segnaliamo la possibilità del loro inserimento in facoltà diverse, in relazione ai singoli atenei: Sociolologia, Servizio Sociale (Lettere, Scienze Politiche, Scienze della Formazione, Economia); Scienze del Turismo (Lettere, Scienze Politiche, Economia); Scienze della Moda (Design, Architettura, Lettere); Scienze della Nutrizione (Farmacia, Professioni Sanitarie, Agrarie e Scienze MMFFNN); Musica (Lettere, Scienze Umanistiche).
Affrontare la scelta non deve intimorire, è un momento che va vissuto con serenità e lucidità. Un breve excursus sui test di ingresso (obbligatori e di orientamento) contribuirà a farvi prendere confidenza con un contesto che può apparire, al primo sguardo, velatamente magmatico. Ogni ateneo possiede strumenti di orientamento che vi faciliteranno il percorso durante gli anni di studio.
Essere consapevoli del percorso professionale da intraprendere, rappresenta una conquista e non bisogna avere fretta, da sempre, cattiva consigliera. Altrimenti, si rischia in un futuro, di trovarsi “costretti” in un lavoro alieno alla nostra natura, condizione che può avere ricadute sulla sfera psicologica e sociale.
La Guida del Corriere è possibile acquistarla nelle edicole di tutta Italia. Inoltre vi segnaliamo il “suo fedele compagno” , il servizio telematico “Tutor on line”, accessibile tramite il sito corriereuniv.it con cui esprimere e manifestare ogni incertezza e dubbio sulla via da intraprendere.
Pillole di informazione sugli strumenti di orientamentoi rafforzeranno la vostra fiducia e consapevolezza che “non siete soli”. Con la guida sotto il braccio per visionare, ” a tempo perso”, cosa studiare e dove studiare.
Buone vacanze a tutti!
Amanda Coccetti

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

DDL Gelmini: passa l'emendamento peer review

Next Article

Rusciano: "Valorizzare il Polo"

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"