La Generazione Z, giovani ottimisti nonostante il COVID-19. Metà degli under 25 pensa ad una carriera da imprenditore

Il sondaggio globale di INTO mostra che i giovani rimangono ottimisti nonostante la pandemia mentre esplorano nuove opzioni e l’istruzione internazionale è in cima alla loro lista di priorità. La pandemia ha portato più della metà della Generazione Z a prendere in considerazione un diverso percorso di carriera, rivela un sondaggio globale di INTO University Partnerships.

La ricerca condotta dalla principale organizzazione internazionale per l’istruzione mostra che dall’inizio della pandemia il 55% degli under 25 ha preso in considerazione attivamente nuove opzioni di carriera che prima non figuravano nella loro lista. Inoltre, metà della Generazione Z ora desidera una carriera che offra un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata.

Oltre 1.200 studenti della Generazione Z provenienti da 93 paesi hanno preso parte al sondaggio INTO, condotto nell’agosto 2021. Tra gli altri, Cina, India, Nigeria, Kenya, Giappone, Australia e Brasile.

La Gen Z costituisce il 30% della popolazione mondiale. Il sondaggio mostra una forte tendenza tra i giovani che desiderano avviare un’attività in proprio come opzione di carriera preferita.

Un totale del 45% degli studenti ha dichiarato di sperare un giorno di diventare imprenditori e avviare un’attività in proprio. La maggioranza considera anche una laurea internazionale come la porta per realizzare i propri sogni di carriera nella nuova normalità.

“La pandemia di COVID-19 ha radicalmente modificato gli atteggiamenti e le aspirazioni di carriera della Generazione Z. Questo cambiamento arriverà a definire il mondo dell’istruzione superiore e del lavoro. È assolutamente fondamentale che i governi, le università e l’industria siano pronti a questo cambiamento tra i giovani per supportare un’intera generazione desiderosa di apprendere e lavorare in modo diverso”, ha affermato Olivia Streatfeild, CEO di INTO University Partnerships.

Il sondaggio mostra anche che l’impatto catastrofico di COVID-19 sulle vite e sulle economie non è riuscito a intaccare le speranze e le aspirazioni della Generazione Z poiché sono più ottimisti che mai riguardo al loro futuro.

Uno schiacciante 91% degli studenti della Generazione Z ha una visione positiva del proprio futuro dopo un anno e mezzo sconvolto dalla pandemia e crede che una laurea internazionale offra loro le migliori possibilità di realizzare i propri sogni.

“I giovani devono affrontare la sfida più difficile in una generazione per forgiare il proprio futuro mentre il mondo si sforza di emergere dalle ombre della pandemia. È quindi incoraggiante vedere che la Generazione Z non è turbata dalla catastrofe e determinata a realizzare i propri sogni. Eccellenti opportunità di istruzione internazionale e programmi innovativi che aumentano le prospettive di carriera degli studenti saranno fondamentali in questa ripresa”, ha affermato la Streatfeild.

Il sondaggio mostra che studiare all’estero è indissolubilmente legato agli obiettivi di carriera nella mente degli studenti della Generazione Z. L’acquisizione delle conoscenze e delle competenze necessarie per avere successo nella vita è risultata la ragione principale per conseguire una laurea internazionale, con il 90% degli studenti intervistati che concordano sul fatto che ciò li ha motivati ​​a studiare all’estero. Molti studenti – l’84% – concordano anche sul fatto che la formazione per una carriera specifica sia un motivo importante per andare all’estero per l’istruzione superiore.

“L’attuale generazione di studenti è più orientata ai risultati rispetto ai loro predecessori. Chiedono ritorni concreti sul loro investimento in un livello internazionale. Spetta a quelli di noi nel settore dell’istruzione internazionale facilitare il loro successo e lavorare per garantire che ottengano ciò che meritano dai loro studi all’estero”, ha affermato la Streatfeild.

Total
9
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studiare in Toscana, ultimi giorni per richiedere borse di studio e alloggio

Next Article

Irpiniambiente: 115 tirocini retribuiti, Garanzia Giovani

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".