La Fondazione Valcavi a favore degli studenti

La “Fondazione Valcavi per l’Università dell’Insubria” ancora una volta si fa promotrice di opere di sostengo per studenti meritevoli. Sono stati infatti individuati gli assegnatari delle tre borse di studio del valore complessivo dodicimila euro riservate a studenti del cdl triennale in fisica della facoltà scienze matematiche fisiche e naturali di Como, residenti fuori dalla provincia.

La “Fondazione Valcavi per l’Università dell’Insubria” ancora una volta si fa promotrice di opere di sostengo per studenti meritevoli. Sono stati infatti individuati gli assegnatari delle tre borse di studio del valore complessivo dodicimila euro riservate a studenti del cdl triennale in fisica della facoltà scienze matematiche fisiche e naturali di Como, residenti fuori dalla provincia.

Ad essersi aggiudicati le tre borse: Gabriele Bottaro, Antonella Pugliese e Simone Fiorello da Cesana Brianza. Le borse, che ammontano a 4mila euro per ciascuno dei tre anni di corso, saranno erogate al verificarsi della condizione prevista dal bando: ossia gli studenti dovranno ottenere i crediti formativi richiesti per ciascuna sessione di esami.

La Fondazione ha stabilito inoltre di premiare due neolaureati attraverso due premi di laurea del valore di millecinquecento euro ciascuno destinati a laureati magistrali delle facoltà di economia e di giurisprudenza della sede di Varese, che discutano entro la sessione di marzo 2012 una tesi di laurea sulle tematiche del diritto dell’economia, dell’analisi economica del diritto o del diritto e della regolamentazione degli intermediari e dei mercati finanziari, con una votazione non inferiore a 100/110.

La scadenza per la presentazione delle domande è fissata per il 5 aprile 2012. Per maggiori informazioni sulla consultare il sito dell’Università: www.uninsubria.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Emilia Romagna, 35 tirocini

Next Article

Profumo incontra il Forum delle Associazioni Studentesche

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.