La comprensione verbale nei test di ammissione universitari

test di ammissione

La comprensione verbale è una prova fondamentale per superare i test di ammissione universitari.
All’interno della sezione “ragionamento logico”, infatti, sono previste anche una serie di domande che riguardano direttamente la comprensione verbale.
Da alcuni anni, i testi scolastici hanno iniziato a preparare lo studente a sviluppare questo genere di abilità, ma spesso si tratta di una prova che fa molto paura agli studenti. A spaventare, soprattutto la lunghezza e la quantità dei brani.

Ma di cosa si tratta esattamente?
Non si tratta di una novità: a scuola, per anni gli studenti si confrontano con l’analisi del testo.
Al candidato verranno sottoposti una serie di testi tratti da saggi, articoli o opere di narrativa.

Dopo averli letti attentamente, dovrà rispondere ad una serie di questiti che riguardano l’individuazione di concetti o di vocaboli.Il Mattino suggerisce di non “farsi prendere dall’ansia del tempo che scorre” e di rispondere subito alle domande, dopo aver letto il brano.

“Lo studente che ha sperimentato l’analisi testuale per cinque anni al liceo non dovrebbe avere grossi problemi ad affrontare questa prova”, ha detto il professore Giuseppe Balido. “Laddove ce ne fossero, conviene risolvere il testo più lungo, quello che prevede più domande”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Transpotted", video esilarante di uno studente napoletano

Next Article

Horizon 2020, proposta di finanziamento da 70 mld. 70% per l'educazione, 5% alla ricerca

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".